Informazioni Generali - Osservatorio Astronomico di Castelmauro

Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni Generali

L'osservatorio

L'Osservatorio Astronomico Giovanni Boccardi

In Castelmauro, sulla vetta del Monte Mauro a 1042 m, è installato un osservatorio astronomico moderno, dotato del più avanzato telescopio robotizzato attualmente presente sul territorio italiano, il CRT, che rappresenta lo stato dell'arte nel settore.
L'osservatorio è stato realizzato nell'ambito di una collaborazione tra Comune di Castelmauro ed ATEC Robotics
che ha cofinanziato l'opera e ne gestisce l'evoluzione. L'Osservatorio è dedicato a Padre Giovanni Boccardi.
Ideato e realizzato dalla società ATEC Robotics
, l'osservatorio si distingue rispetto allo standard per una serie di fondamentali peculiarità:

  • è innovativo ed all'avanguardia in campo internazionale

  • predisposto per effettuare ricerca scientifica anche in modalità robotizzata (fotometria CCD)

  • predisposto per l'uso in internet attraverso la prenotazione di tempo di osservazione

  • supporta la divulgazione nelle scuole ed università attraverso progetti dedicati

  • è inserito nella rete dei telescopi che di giorno effettuano la mappatura dei debris

  • predisposto per effettuare survey automatiche e per lo studio nel settore dei RGB

  • è un centro congressi

  • è inserito nel network Magellano


Padre Boccardi avviò un progetto, all'avanguardia per i suoi tempi, ossia l'installazione di strumenti di ultima generazione (all'epoca) presso l'osservatorio di Pino Torinese. La visione del cielo stellato, resa imperfetta dalle luci della città e dal fumo delle ciminiere, spinse infatti Boccardi ad avviare un progetto ambizioso; il trasferimento dell'Osservatorio a Pino Torinese, sito a 620 m sul livello del mare e sufficientemente lontano dal centro di Torino. Sotto la sua direzione fu, come già riportato in queste pagine, installata la più grande cupola girevole d'Italia, di 11 metri di diametro. Costruita dalla società inglese Cooke & Sons ospitava il telescopio equatoriale Merz, strumento di punta dell'Osservatorio.

Iniziati i lavori nel 1911, l'Osservatorio era già pronto ed operativo nel 1912, fruttando oltre 30.000 osservazioni astronomiche pubblicate in due "Cataloghi di stelle", 14 volumi e 409 fra memorie, note e lunghi articoli scientifici e conseguenti innumerevoli inviti a Congressi internazionali.
L'osservatorio astronomico di Monte Mauro è dedicato a Padre Boccardi per la sua lungimiranza che lo ha portato ad anticipare quelli che sono solo attualmente (ultimi 20 anni) i processi di verifica e catalogazione dei migliori siti astronomici e l'installazione di strumenti professionali in siti ottimali come nel caso, allora, dell'osservatorio di Pino Torinese.

L'osservatorio di Monte Mauro è stato completato nel 2007. L'edificio ospitante l'osservatorio è stato lasciato inutilizzato e incompleto per molti anni dopo la realizzazione della struttura portante.

Il Prof. Dario Mancini, astronomo ordinario dell'Istituto Nazionale di Astrofisica, ha fornito le indicazioni utili per il completamento delle opere civili e per la realizzazione del telescopio e della cupola, nonchè per l'impostazione tecnico/scientifica delle attività di ricerca e divulgazione.  Sotto la sua guida sono state modificate alcune sezioni dell'edificio consentendo l'installazione di un telescopio altazimutale (CRT) al posto di un ormai obsoleto telescopio in montatura equatoriale. Un accordo tra Comune ed la società ATEC Robotic, che ha finanziato la realizzazione dell'Osservatorio insieme con la provincia di Campobasso, ha consentito la costruzione ed installazione del telescopio, della cupola, della sala multimediale e di impostare l'organizzazione scientifica.

La ATEC Robotics è attualmente l'unica azienda in Italia in grado di ideare e realizzare telescopi altazimutali all'avanguardia quale il CRT (Castelmauro Robotic Telescope), strumento professionale che in scala ripropone le peculiarità dei telescopi quali il TNG, il VST, il TT1, progettati e realizzati dall'astronomo Dario Mancini ed installati presso i siti Roque de los Muchacos (Canarie), Paranal (Cile) e Castelgrande (PZ).
Oltre ad ideare l'intero progettola ATEC Robotics ha organizzato la formazione del personale di supporto locale attraverso una serie di lezioni di astrofisica e di tecnologie. Il Prof. Dario Mancini, coordinerà le attività del centro congressi Giovanni Boccardi che si occuperà di divulgazione, organizzazione congressi e conferenze in campo scientifico e tecnologico volti alla diffusione della cultura. La ATEC Robotics fornisce e fornirà invece supporto tecnico/scientifico per rendere sempre più competitive le prestazioni e le caratteristiche dell'osservatorio robotizzato.


 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu