Osservatorio Astronomico di Castelmauro

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'osservatorio di Castelmauro è la più moderna ed avanzata struttura a servizio della ricerca e divulgazione realizzata in Molise ed ancora oggi in Italia. Inaugurato nel mese di maggio 2008 è dotato di una adeguata organizzazione scientifica e di un telescopio e di attrezzature all'avanguardia. Un telescopio da 60cm di diametro altazimutale, unico nel suo genere e predisposto per effettuare ricerca scientifica ad alto livello. Nel 2009 è stato acreditato da INAF per le manifestazioni dell'anno dell'astronomia, che sono state finanziate dalla Provincia di Campobasso e dalla società ATEC Robotics che hanno daltronde finanziato la costruzione dell'edificio, del telescopio, della cupola e della sala convegni.  L'osservatorio, oltre alle attività di ricerca, ha vari scopi. Primo di tutti è quello della divulgazione scientifica. Senza una corretta ed adeguata  divulgazione della cultura e quindi senza la percezione del ruolo della scienza nella nostra vita individuale e sociale è difficile orientarsi per valutare ed effettuare le scelte sociali e politiche che influenzano il nostro quotidiano, dalla salute all'ambiente, dalla gestione delle risorse all'energia, dalla tutela dell'ambiente all'alimentazione. La divulgazione consente il raggiungimento di elevati livelli di consapevolezza, fondamentali per il processo cognitivo.


Presto l'Osservatorio sarà fruibile anche da un'altra sede più comoda in Larino, dove sarà possibile più facilmente seguire i corsi e le manifestazioni scientifiche con connessione in remoto con l'osservatorio.


In fase di organizzazione alcuni convegni su:

  •    chirurgia mininvasiva,

  •    supporto controllo anziani e disabili a distanza e telemedicina

  •    il futuro della robotica

  •    le nuove frontiere dell'astronomia

  •    smart cities

  •    il futuro delle energie rinnovabili

  •    la gestione dell'energia sul pianeta terra

  •    potenzialità della Regione Molise


Se vuoi collaborare alla preparazione degli eventi scientifici dell'Osservatorio Astronomico o entrare a far parte dell'Associazione ONLUS "Cultura Sviluppo e Innovazione", della segreteria scientifica o del comitato locale organizzatore contatta il numero 0874.1865666 o invia la tua richiesta all'indirizzo info@castelmauro.org

Avviati accordi di collaborazione scientifica.  L'osservatorio partecipa al monitoraggio notturno in automatico di target of opportunity. Entra nel programma relativo al monitoraggio di Near Earth Objects (asteroidi e comete) e nel programma di identificazione e mappatura dei debris. Ciò richiede alcune modifiche ai sistemi attualmente installati e l'integrazione di nuova strumentazione.

Immediatamente dopo l'estate sarà avviato il programma di ottimizzazione della gestione della divulgazione verso il pubblico.
Le immagini saranno proiettate in diretta sullo schermo della sala conferenze. Ciò renderà la visione più ricca di informazioni. Sarannoinstallate nuove camere ad alta sensibilità ed uno schermo in prossimità della cupola per coloro che desiderano invece di partecipare alla visita in prossimità del telescopio.

Per i prossimi incontri e manifestazioni vai alla  pagina Eventi 2016 (clicca qui)

Risposte ad alcune delle più frequenti domande poste dal pubblico.

  • Perchè si scelgono siti in alta quota, spesso difficili da raggiungere? Risposta 

  • Perchè il telescopio CRT dell'Osservatorio di Castelmauro è in montatura altazimutale? Risposta

  • Clicca qui per vedere l'Osservatorio di Castelmauro attraverso Google 

  • Clicca qui per vedere l'osservatorio di Castelmauro dall'alto attraverso Google.

  • Clicca qui per saperne di più sull'Associazione Cultura Sviluppo e Innovazione

  • Clicca qui per essere inserito nella mailing list. Riceverai le NEWS perdiodicamente.

Altitudine Castelmauro:   692 m       
Altitudine Osservatorio:  1050 m  

Coordinate Osservatorio: 41.832961 N, 14.693978 E
Sito WEB
finanziato  ed aggiornato da ATEC Robotics  
Ultimo
aggiornamento:   27.04.2015


"La manifestazione del 10 agosto presso il Castello Monforte mostra come le forze locali possano coordinarsi per realizzare attività culturali di rilievo alla portata di tutti. Gli argomenti trattati durante la manifestazione tendono a mettere in luce l'importanza del nostro pianeta che va salvaguardato nella sua bellezza ed unicità.  Le stelle cadenti, ovvero le "Lacrime di San Lorenzo", osservate per la prima volta nel 36 d.C., non sono altro che un'irrilevante manifestazione dell'immensità dell'universo, ancora in gran parte sconosciuto. Dalla terza rivoluzione industriale in poi la strumentazione scientifica si è evoluta con rapidità, consentendo ai ricercatori di accedere a dati non ottenibili precedentemente. Il telescopio spaziale Hubble, per esempio, osservando in profondità ed in dettaglio l'Universo, ha stimolato la conoscenza, dando il via ad una serie di progetti innovativi. Ad esempio il telescopio spaziale Kepler, dedicato all'individuazione di pianeti extrasolari simili alla Terra, o il telescopio spaziale JWST (James Web Space Telescope), posizionato a  1.500.000 km dalla Terra, con il quale si cercherà di osservare l'universo nei momenti temporalmente più prossimi al BigBang. Lo studio dell'Universo fa sognare ed immaginare. Dalle ipotesi che le cose siano andate in un certo modo, nascono nuove teorie che possono essere o meno confermate dai dati ottenuti da strumenti specializzati, che oggi siamo ormai in grado di realizzare. Dall'immensità del Cosmo al nostro piccolo sistema solare, nel quale la Terra è un'isola felice, forse unica nell'Universo" Dario Mancini

L'osservatorio di Castelmauro è aperto al pubblico due volte al mese e quando la luna non è piena. E' aperto anche su prenotazione (vedi menù a sinistra vice prenotazioni). Quando le condizioni meteo sono avverse il sito è impraticabile e le manifestazioni vengono sospese.


 
 
Cerca
Torna ai contenuti | Torna al menu